Un giro in gondola per scoprire Venezia in famiglia

By in ,
2337
Un giro in gondola per scoprire Venezia in famiglia
Scoprire Venezia da una gondola!

La gondola è un’imbarcazione talmente unica da renderla uno dei simboli di Venezia nel mondo.

In questo post, vorremmo darvi qualche informazione utile per assaporare appieno questa esperienza che renderà indimenticabile il vostro soggiorno in città con la vostra famiglia.

Perché, diciamoci la verità, se state programmando di visitare Venezia anche con i vostri bambini, un giro in gondola è quasi obbligatorio se non volete rischiare di deluderli!

Perché un tour in gondola a Venezia è un’esperienza da non mancare con i bambini?

La gondola permette di assaporare Venezia in un modo lento, quasi fossimo in un’altra epoca storica. Dopo una giornata intensa trascorsa a camminare, è bellissimo potersi finalmente rilassare con la vostra famiglia scattando foto degne di un instagrammer: vedrete che i bambini saranno impegnatissimi a rubare i segreti del mestiere al gondoliere o a osservare i granchi attaccati alle rive e i pesci che si trovano anche nei canali interni.

Quanto costa un giro in gondola?
stazio gondole venezia

Un giro in gondola ha una tariffa base diurna che è di 80 euro per 25/30 minuti (in totale, non a persona) ma la tariffa serale sale a 100 euro. Una gondola può portare fino a 6 persone.  

Le tariffe sono fissate dal Comune di Venezia assieme all’Ente Tutela della Gondola  e sono uguali in tutti gli stazi in città.

Se però siete di fretta o avete un budget meno generoso, potete provare la gondola come la usano quotidianamente i veneziani: in specifici punti lungo il Canal Grande,  alcuni stazi offrono ancora il servizio traghetto a €2 per persona, portano cioè da una riva all’altra del canale i passeggeri che a volte sono numerosi e devono rimanere in piedi. Paura di cadere in acqua?! Ma no!! Certo non è romantico, ma è divertente!  

gondola traghetto venezia
Dove si trovano gli stazi gondola?

Nella mappa trovate gli stazi più grandi ma se ne trovano un po’ ovunque in città e sono ben riconoscibili con il cartello delle tariffe esposte.

Vorrei fare un giro in gondola con il miglior gondoliere di Venezia!
giro in Gondola venezia

Tutti i gondolieri devono passare un esame molto impegnativo per ottenere la loro licenza: nessuno vuole finire in acqua durante un tour in gondola, nemmeno in estate! Quindi potremmo dire che sono tutti tecnicamente bravi. Certo, se un gondoliere è simpatico e socievole-  specie con i bambini – l’esperienza sarà più significativa, ma purtroppo non si può scegliere un gondoliere invece di un altro: un po’ come quando si prende un taxi, il primo disponibile è il primo che carica! In generale, tutti i gondolieri sono simpatici ma vi suggeriamo un trucco: fate due parole con il gondoliere prima di accettare di salire e cercate di capire se è il tipo giusto per voi!,

Lo sapevi che...
giro in gondola a venezia

L’ultima persona a possedere una gondola privata era una signora americana un po’ eccentrica, che tutti chiamavano l’”ultima dogaressa”: il suo nome era Peggy Guggenheim, icona mondiale dell’arte che decise di passare molti anni della sua vita proprio a Venezia, in un bellissimo palazzo sul Canal Grande diventato sede permanente della sua favolosa collezione di opere d’arte contemporanee. A proposito: perché non venite a scoprirla con noi con la nuova Caccia al tesoro con Peggy Guggenheim?

Un altro personaggio molto famoso che utilizzava la gondola per andare a fare baldoria nelle sale da gioco o per i suoi incontri galanti è Giacomo Casanova! C’è una storia intrigante che lega questo celebre libertino alla gondola: ve la raccontiamo nella Caccia al Tesoro in Palazzo Ducale ispirata proprio alla fuga dalle prigioni di Casanova!

Oggigiorno, per fare un vero giro in gondola, i veneziani possono pensare di… sposarsi!! E’ infatti tradizione per gli sposi farsi immortalare, felici e vestiti da festa, nella cornice perfetta del Canal Grande nel loro giorno speciale!

sposarsi a venezia
Un po’ di storia: qual è il legame tra la gondola e Venezia?

Prima che Venezia divenisse una vera e propria città, immaginatevi la laguna come un agglomerato di isolotti paludosi separati – ma a noi piace invece pensare uniti – da canali dal fondale basso e senza strade. Chi nasceva qui, come si suol dire da noi, imparava prima a vogare e poi a camminare! Pare che in quel tempo si usassero delle piccole imbarcazioni definite “cimbula”, e da qui forse la parola “gondola”.

Le origini della gondola si perdono dunque in quelle della città stessa, in un legame indissolubile. Ci sono molte imbarcazioni tipiche veneziane, ma la gondola, essendo tra le più lunghe (11 metri circa!), rimane la più elegante e la più difficile da manovrare, diventando col tempo un simbolo della città stessa.

gondola venezia

Ai tempi della Serenissima Repubblica, quando Venezia era una Città-Stato indipendente, le famiglie nobili, oltre che avere le loro dimore affacciate sul Canal Grande, avevano anche una gondola privata e un gondoliere “de casada” alle loro dipendenze. Inoltre, fino al secondo dopoguerra, erano coperte da un “felze”, poi caduto in disuso, che era una sorta di cabina dotata di finestre che garantiva riparo dagli agenti atmosferici, ma soprattutto garantiva la giusta privacy!

Se vi andrà di esplorare la città cimentandovi nella nostra divertente “Caccia al Tesoro sulle orme di Marco Polo”, potrete attraversare il ponte dove in passato si realizzavano questi “felzi”: proprio lì vicino è ormeggiata l’unica gondola di tutta  Venezia, musei esclusi, che ancora ne ha uno!

Perché le gondole sono storte?

Fate finta di essere il gondoliere in piedi sulla poppa a guardare verso la prua. La gondola è inclinata verso destra, il lato destro cioè è più vicino all’acqua rispetto al lato sinistro. Inoltre, il lato sinistro è più lungo del lato destro, dandole una forma curvata. Semplicemente perché questo aiuta il gondoliere a manovrare una barca così lunga con un solo remo e su un solo lato.

Possiamo dire che le gondole sono vere opere d’arte secolari, ancora oggi tutte fatte a mano, con un significato per ogni dettaglio: il ferro, il riccio, il dolfin, la forcola.. durante i nostri tours ci fermiamo spesso in luoghi poco frequentati per far notare proprio questi particolari che spesso sfuggono!

Peccato che i nostri ospiti ci chiedano raramente di salire in gondola con loro, e come biasimarli? Chi non preferirebbe gustarsi in pace questo momento invece di sentire i nostri commenti entusiasti sul panorama?! In fondo siamo guide innamorate di Venezia…ma se ci invitate promettiamo di stare in silenzio almeno per un po’!!

Vi aspettiamo a Venezia!