Un giorno speciale a Venezia: tutti al Lido!

By in ,
1543
Un giorno speciale a Venezia: tutti al Lido!

Consigli per trascorrere un giorno speciale a Venezia: tutti al Lido!

È arrivata l’estate! Eccome se è arrivata… un agosto rovente quest’anno!

Perfino l’acqua dei canali diventa invitante e mi fa venire in mente le vecchie fotografie di quando i bambini imparavano a nuotare proprio nei rii in città! Certo allora non c’erano così tante barche a motore, non era pericoloso…

Vivere la laguna di Venezia da residenti!

Oggigiorno per fare un bel bagno rinfrescante bisogna per forza andare in spiaggia, a meno che non si appartenga al gruppo dei veneziani più fortunati che posseggono una barca privata e possono far salire tutti i componenti della famiglia, cane compreso, comodamente sotto casa: i veneziani amano passare la giornata in laguna, a volte raggiungendo le spiagge del Lido o a volte buttando semplicemente l’àncora davanti all’isola del Bacàn, dove l’acqua non è molto profonda e i bambini possono fare il bagno, mentre i genitori si rilassano. E a mezzogiorno la mamma allestisce un vero banchetto reale, con tutto il bendidio possibile: panini, snacks e chi più ne ha, più ne metta. Spesso si conversa con i vicini, da una barca all’altra e la giornata vola via così.

La comodità di andare in spiaggia con i bambini al Lido di Venezia

Se non siamo tra i fortunati che hanno una barca privata, non disperiamo: uno dei vantaggi di Venezia è che a pochi minuti in vaporetto da piazza San Marco si può raggiunge facilmente l’isola del Lido, dove c’è una spiaggia lunga 11 km: un paradiso per i bambini locali, ma anche per i bambini in visita! 

In effetti in mezzi pubblici sono molto comodi per arrivarci (vedi qui gli orari): da Piazza San Marco c’è la linea 1 ogni 10 minuti e anche la motonave linea 15 e, d’estate, c’è anche la linea 2 di rinforzo. Davvero anche per le famiglie in vacanza in città, passare qualche ora in spiaggia con i bambini è facilissimo!

Il Lido è molto comodo per le famiglie con bambini, perché il litorale è caratterizzato da acque poco profonde e da belle spiagge ampie e sabbiose. Ogni spiaggia ha il suo bar/ristorante dove si può pranzare a prezzi contenuti con tutta la famiglia, senza contare i numerosi panifici e supermercati. 

Di solito quando andiamo al Lido scendiamo all’approdo centrale, che è quello di Santa Maria Elisabetta: da qui si può arrivare alla spiaggia della zona A con una passeggiata di soli 15 minuti, mentre con l’autobus si possono raggiungere anche altre spiagge, in diverse zone dell’isola. Ci sono spiagge libere (come quella degli Alberoni, di San Nicolò o dei Murazzi), alcune con accesso anche ai cani (come il Pachuca Bau Beach) o spiagge attrezzate a pagamento (come la zona A).

Le spiagge attrezzate sono sicuramente la soluzione più comoda per le famiglie con bambini: si presentano con delle caratteristiche file di “capanne”, cioè delle strutture che ospitano dei camerini che si possono noleggiare per la giornata, assieme a sdraio e ombrellone, oppure per tutta la stagione: nel secondo caso certo il costo non è irrisorio, quindi molte famiglie si organizzano e dividono gli spazi e i costi. Ed è quello che facevamo noi quando eravamo più piccoli: d’estate, mentre i nostri genitori lavoravano, la nonna ci portava tutti i pomeriggi in spiaggia e ci divertivamo come matti con una banda di bambini!

Consigli per piccoli esploratori alla scoperta del Lido

Oggi però abbiamo deciso di passare una giornata diversa: noleggeremo delle biciclette per esplorare l’isola! Era tanto tempo che volevamo farlo ed è un’esperienza che tutti i bambini che visitano Venezia amerebbero fare!

Dall’imbarcadero di Santa Maria Elisabetta in pochi minuti abbiamo raggiunto la sede di Venice Scooter Rental di Sebastiano: visto che i nostri amici sono tutti in vacanza, oggi siamo solo io e Lisa e optiamo per il tandem, che ci sembra una soluzione molto divertente, che non abbiamo mai provato! Dopo aver percorso tutto il Gran Viale Santa Maria Elisabetta, costeggiamo il lungomare Marconi, passiamo davanti alla stazione balneare Blue Moon e raggiungiamo l’Hotel Des Bains, reso celebre dal libro di Thomas Mann “Morte a Venezia” e all’Hotel Excelsior dove alloggiano le star durante il Festival del Cinema: in effetti ai primi anni del ‘900 il Lido era famosissimo, e questi alberghi possono essere considerati i primi resorts del mondo!

Il Palazzo del Cinema in questo periodo è chiuso, ma dalla fine di agosto di solito questa zona è piena di curiosi che si appostano per avvistare qualche personaggio famoso: siamo venuti una volta a vedere la passerella delle star sul tappeto rosso e devo dire che sono rimasto abbastanza scioccato dall’entusiasmo dei fan scatenati!

Dopo una lunga pedalata, arriviamo ai Murazzi, dove gli amanti della tintarella stanno distesi a mo’ di lucertole sugli scomodi pietroni di queste lunghe dighe artificiali, costruite nel ‘700 per difendere il litorale dalle mareggiate. Ma… chi resiste più?! Io e Lisa lanciamo il tandem e corriamo a buttarci in mare! Dopo un bel bagno refrigerante, ci rivestiamo e siamo pronti per continuare la nostra avventura!

La nostra meta è la l’Oasi del WWF agli Alberoni, un posto bellissimo tra dune e pinete, dove costruisce il suo nido il piccolo fratino, un simpatico uccello che trova qui l’ambiente ideale. E nelle acque antistanti ci sono perfino le tartarughe marine!

Ma guardate quale altro abitante chi abbiamo incontrato oggi? Un pavone! WOW!

Questa zona è anche famosa per i suoi campi da golf, che attirano i giocatori da tutto il mondo.

Io e Lisa decidiamo di arrivare fino alla Batteria Rocchetta, una fortificazione costruita dagli Austriaci nella metà dell’Ottocento: siamo nel punto più a sud del Lido e da qui in lontananza si vede l’isola di Pellestrina, l’altra barriera che separa la laguna dal mare, raggiungibile in ferry boat. Ma per oggi abbiamo pedalato abbastanza, anche perché dobbiamo affrontare la lunga strada del ritorno!

Risaliamo quindi in sella e attraversiamo il bellissimo borgo di Malamocco dove sembra di essere a Venezia: è qui che vivevano i primi dogi di Venezia, prima che la sede del governo venisse spostata nel magnifico Palazzo Ducale.

Quando finalmente restituiamo il tandem, ci rendiamo conto di aver percorso più di 20km!! Ci meritiamo un mega gelato prima di tornare a casa!?!

PS. Un grazie speciale per le foto alle nostre colleghe Laura Bumbalova e Antonella Bracco!